• 25 Marzo 2021

Quando si vuole raggiungere un obiettivo o non si sa cosa fare in quel preciso momento della vita, si decide d’iniziare un percorso per dare una scossa alla propria vita privata o professionale

Ecco che si sceglie il Coaching. In questa scelta e in questo percorso ci sono due figure fondamentali: il Coach e il Coachee

Chi è il Coach? Il coach è un supporto, un partner, uno sponsor del cliente.
Il coach fa la differenza nella vita di un altro nella misura in cui gli porta valore aggiunto. Il coach non consiglia, non giudica e non insegna.

Cosa fa? Accompagna durante il percorso, sostiene e rende indipendente il Coachee

Il Coach non fa le cose al posto del cliente e lo accompagna durante il percorso fino a renderlo indipendente ed acquisire consapevolezza

Il Coach crede nelle potenzialità dell’altro e verifica se l’obiettivo è in linea con le caratteristiche del Coachee perché deve essere un obiettivo motivante e non demotivante

Il Coach “rispecchia” ciò che vede e che sente. Questo serve a:

  • Dimostrare che lo ascolta
  • Far spiegare ulteriormente cosa intende l’altro
  • Aiuta l’altro a prendere consapevolezza di se

Lo aiuta a trovare motivi per stare bene, un piccolo rinforzo per uscire dalla sessione di coaching con uno stato emotivo migliore di quando è arrivato e comunque riuscire a essere soddisfatto delle proprie conquiste e di se stesso, a celebrare i propri successi e a ridefinire i momenti negativi e i fallimenti come occasioni per crescere e imparare.

Una delle azioni più difficili da fare è sospendere i propri giudizi per comprendere ciò che l’altra persona sta vivendo.

Il coach arriva in sessione come un foglio bianco, facendo tabula rasa dei propri pensieri ed esperienza per evitare di filtrare il pensiero del coachee in base a se stesso. Questo è l’unico modo per capire ciò che l’altro sta dicendo e provando.

Esiste la giusta ricetta per essere un buon Coach? Ognuno ha la sua motivazione e la sua personalità, ma per essere un buon coach bisogna essere in grado di aver un ruolo di “sfondo” e di supporto perché è il cliente ad avere un ruolo centrale ed il protagonista di questo rapporto professionale

Buon Coaching a tutti!

Leave a Reply