L’Importanza delle Submodalità

  • 15 Luglio 2020

Ci sono molti strumenti che si possono utilizzare per gestire l’emozioni. Tra di questi vi sono le Submodalità, uno strumento molto utile e potente usato nella Programmazione Neuro Linguistica.

Sono le caratteristiche delle modalità sensoriali (visive-auditive-cinestesiche) con cui costruiamo i nostri ricordi. 

Le sub-modalità possono essere analogiche, che hanno una gamma di variazione come il volume di un suono oppure digitali, cioè on/off come il movimento di un’immagine che può essere o statica o un filmato. Le sub-modalità aiutano a capire come viviamo determinate esperienze e modificandole possiamo alterare i nostri ricordi. 

Esistono 3 tipi di submodalità:

  • Submodalità Visive
  • Submodalità Auditive; 
  • Submodalità Cinestesiche. 

    Le Submodalità Visive sono tutto ciò che attiene alle caratteristiche visive dell’esperienza. 

Ad esempio: 

  • Colore 
  • Distanza 
  • Grandezza 
  • Messa a fuoco 
  • Numero di immagini. 

Le Submodalità Auditive sono tutto ciò che attiene alle caratteristiche auditive dell’esperienza. Ad esempio: 

  • Tono 
  • Volume 
  • Ritmo 
  • Quantità di suoni 
  • Pause 

Le Submodalità Cinestesiche sono tutto ciò che attiene alle caratteristiche cinestesiche dell’esperienza.  Ad esempio: 

  • Temperatura 
  • Peso 
  • Respirazione 
  • Movimento 
  • Posizione nel corpo 

Qualsiasi cambiamento fatto a livello di submodalità va verificato a livello pratico. Altrimenti va riportato il ricordo allo stato di partenza. Si può, ad esempio, rimpicciolire un’immagine, cambiare colore, ridurre il volume… Se questa operazione ha un effetto benefico, la strada scelta è quella giusta! 

Sfrutta le submodalità al massimo e ricorda che il tuo benessere è la meta principale! 

Pensa con la K! 

Diego Del Proposto

Leave a Reply